Scuola P. Pio – Berberati (R.C.A.)

 

Questa è un’appendice alla pagina sui progetti in Centrafrica
°°°°°°°°°
Aggiornato al 26 Ottobre 2017 –
Giunte nuove foto da Berberati!  Dopo tanto tempo grazie a Suor Elvira (tramite la quale è partito l’ultimo progetto in Centrafrica per il Centro Nemesia, sempre a Berberati) riusciamo a vedere i progressi fatti alla scuola p. Pio. I bambini sembrano felici e l’ambiente è senz’altro più accogliente di quando ci fu chiesto l’aiuto.
Aperta la pagina relativa alla galleria fotografica anche per questo progetto; mettiamo qui solo qualche immagine ricevuta oggi via mail. Per un errore di impostazione le foto riportano la data sbagliata, ma assicuriamo che si riferiscono a due giorni fa.
 Ecco il testo della mail ricevuta da suor Elvira in data di oggi:
 °°°°°
Carissima Silvana,
 
scusaci per la data che è uscita sulle foto. Come vedi 2016 !!! Il papà che ha filmato  solo l’altro ieri con me presente non ha pensato di aggiornare la data sulla macchinetta fotografica. 
Le aule sono state completate. La scuola è la migliore di tutta Berberati. il personale accogliente e disponibile. I maestri sono molto motivati. Certo si paga qualcosa, essendo della Diocesi e dovendo sostenere le spese per gli insegnanti e la gestione.
I più poveri purtroppo non possono accedere.
Lo Stato purtroppo non riesce a prendere in mano la scuola per renderla pubblica, neppure elementari da immaginare le Scuole Superiori !!
     Grazie a te/a voi di tutto  abbraccio sr  Elvira
°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Aggiornato al 4 Gennaio 2017 –
Già da un paio di mesi l’Abbé José Pabou ci aveva inviato nuove immagini riguardo il prosieguo dei lavori alle tre aule in più per la Scuola Padre Pio di Berberati, ma solo ora riusciamo a pubblicarle. A causa delle ben note difficoltà portate dal protrarsi della guerra in R.C.A., i lavori purtroppo sono andati a rilento e attualmente sono in fase di conclusione. Un passo dopo l’altro ci auguriamo che presto torni la normalità in Centroafrica e che tutti i bimbi possano usufruire della necessaria istruzione per acquisire le capacità di autonomia e di maturità per il futuro del loro Paese.
Aggiornato al 12 Novembre 2016 –
Salpata il 27 Ottobre la Nave diretta a Douala da cui i 4 container caricati con i diversi materiali missionari verranno trasportati via terra nelle varie zone della Repubblica Centrafricana. Per la Scuola Padre Pio di Berberati sono partiti diversi cartoni contenenti quaderni, colori, materiale di cancelleria raccolto durante la Quaresima 2016 tra le varie parrocchie del Vicariato di Mignanego e Pontedecimo.

Aggiornato al 12 Marzo 2016 

Grazie al Vicariato di Pontedecimo-Mignanego, è stata avviata come opera di misericordia per la V settimana di Quaresima quella di “insegnare a chi non sa”, invitando ad offrire materiale didattico da far pervenire alla Scuola P. Pio di Berberati, dove si stanno portando a termine i lavori iniziati lo scorso anno per il completamento di tre aule in aggiunta alle esistenti. In questi giorni ci ha chiamato l’Abbè José Pabou per gli ultimi ragguagli e presto avremo nuove foto a disposizione.

Il materiale sarà spedito tramite i container caricati nel magazzino missioni cappuccini del convento di Pontedecimo verso il mese di Novembre 2016 quindi, per chi volesse proseguire questa opera anche oltre il periodo pasquale, ci sarà la possibilità di ricevere ancora materiale scolastico (quaderni, penne, astucci, cartelle, ecc.) presso la nostra sede, che è proprio nel convento medesimo!

Ovviamente anche ITA KWE farà la sua parte nel fornire materiale a completamento di quanto sarà raccolto, per far sì che questa sorta di gemellaggio “della Misericordia” porti …. buoni frutti!!!

Aggiornato al 12 Maggio 2015 
L’Abbé Josè Pabou è stato trasferito da qualche mese a Sossò, un villaggio della diocesi di Berberati da cui è difficile il collegamento via Internet. Ogni tanto ci chiamava telefonicamente dando qualche notizia sull’andamento dei lavori per le tre aule alla Scuola p. Pio (vedi più sotto), ma non riusciva ad inviare foto o altri documenti via mail. Provvidenzialmente siamo venuti in contatto con Suor Elvira Tutolo, della congregazione di Santa Giovanna Antida Thouret, le medesime che a Bocaranga sono impegnate a portare avanti il servizio per il Centro Arc en Ciel dedicato a Flavio, che sarà presto di rientro in Italia per il congedo e che nel frattempo ci ha già inviato qualche foto. Come vedete i lavori vanno a rilento, però qualche progresso è stato fatto. Per ora accontentiamoci, considerando che la situazione locale non è ancora completamente sotto controllo (vedi la pagina dedicata alla R.C.A.). Quando la incontreremo di persona ci faremo raccontare tutti i particolari!!
Scuola p. Pio (1)
R.C.A. – Le nuove aule in fase di completamento alla Scuola p. Pio di Berberati.
Scuola p. Pio (4)
Scuola p. Pio Berberati – R.C.A. – C’è ancora del lavoro per completare definitivamente, ma almeno … ora c’è il tetto!!
Scuola p. Pio (3)
R.C.A. – Berberati – con lo scompiglio portato dai due anni di guerra, i lavori sono andati un po’ a rilento … ma prima o poi arriveremo in fondo!!
Scuola p. Pio (2)
R.C.A. – Berberati – mancano ancora i pavimenti, un po’ di luce e qualche colpo di pennello per dare ai bimbi delle aule nuove accoglienti e spaziose.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 

 

Aggiornato al 31 Ottobre 2014
Di ieri sull’Home-page la pubblicazione  di ……   qualcosa di positivo!
Si tratta del nuovo progetto di ITA KWE per contribuire al recupero del Centrafrica, martoriato da due anni di guerra civile e dal peggioramento delle condizioni di vita a livello alimentare, sanitario, educativo, in particolare dei bimbi.
Questo è il 4° impegno della nostra Associazione per la Repubblica Centrafricana e si rivolge alla Diocesi di Berberati, dove per tanti anni ha svolto la sua missione Monsignor Agostino Delfino, caro amico della famiglia Quell’Oller (presente sia al matrimonio di Flavio e Silvana, sia alla celebrazione funebre del’ultimo saluto a Flavio – vedi su DICONO al n. 1), ora in “pensione” nel convento di Savona insieme al caro p, Umberto Vallarino.
Ecco quanto da lui ricevuto via e-mail dopo aver saputo dell’auto dato alla scuola P. Pio di Berberati, alla quale resta legato con il pensiero e la preghiera:
 
Monsignor Agostino delfino, Cappuccino della provincia Ligure, Vescovo Emerito della Diocesi di Berberati
Monsignor Agostino Delfino, Cappuccino della provincia Ligure, Vescovo Emerito della Diocesi di Berberati (R.C.A.)

“Carissima Silvana,

Grazie per quello che fate per l’Africa e in questo momento per la diocesi di Berberati,la diocesi più bella del mondo…
Ormai ho “TAGLIATO” con l’Africa e con Berberati. Ho lasciato in buone mani la diocesi e sono sicuro che il lavoro incominciato andrà avanti meglio di prima, con l’aiuto del Signore.
Della diocesi di Berberati posso dire ho lasciato una ventina di parrocchie per circa 80.000 cristiani e molti catecumeni, con  circa 35 sacerdoti e varie congregazioni di Suore. Preghiamo per la riconciliazione e la pace nel Paese del Centro Africa.
Oggi seguo tutto nella preghiera”.                                                       Savona, 27 Ottobre 2014                     + Agostino Delfino
 
Grazie a Te p. Agostino, la Tua dedizione ai più piccoli e l’amore per l’Africa sono d’esempio per chi vuole seguire gli insegnamenti di Gesù
 
 
Qualche foto prima dell’inizio lavori per terminare gli edifici e in seguito
vedremo le altre!!
Le tre aule da completare alla scuola p. Pio di Berberati (R.C.A.)
Le tre aule da completare alla scuola p. Pio di Berberati (R.C.A.)
I muri già elevati per le tre aule stanno andando in rovina, tra le piogge e le difficoltà di questi ultimi anni
R.C.A. – Berberati – I muri già elevati per le tre nuove aule della scuola p. Pio stanno andando in rovina tra le piogge e le difficoltà di questi anni
sullo sfondo le tre aule in costruzione, vanno a completare la struttura che sarà composta di n. 8 aule
R.C.A. – Berberati. Sullo sfondo le tre aule in costruzione, vanno a completare la struttura che sarà composta di n. 8 aule

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.