Centro disabili Arc en Ciel – R.C.A.

Centro recupero Disabili di Bocaranga “Arc en ciel Flavio Quell’Oller”, costruito da Flavio nei primi mesi del 1990 e ristrutturato nel 2012/2013 da ITA KWE, grazie al socio Giuseppe Colombo, praticamente residente in R.C.A. fino al dicembre 2013 e costretto al rientro a causa della violenza esplosa in particolare proprio a partire da quella data.

A causa di forza maggiore, tra l’alto costo delle spese di viaggio, le tasse e l’insicurezza che regna ancora in Centrafrica, quest’anno non verranno spediti i soliti container dal magazzino del convento cappuccini di Pontedecimo. E’ quindi impossibile far avere al Centro Disabili di Bocaranga la scorta di sardine, biscotti e latte in polvere che da alcuni anni Ita Kwe ha garantito per l’utilizzo alla mensa giornaliera del Centro e che partivano da Genova. Suor Maria Elena, di passaggio durante il suo congedo in Italia, nel mese di settembre aveva condiviso con noi le sue perplessità sulla situazione ancora grave in R.C.A., assicurandoci però che il Centro intitolato alla memoria di Flavio stava continuando ugualmente la sua opera di sostegno ai bimbi delle famiglie più povere, con problemi di malnutrizione e di salute in genere, oltre che in attesa di interventi ortopedici e di riabilitazione. Ecco quindi che per garantire ancor di più il proseguimento dell’opera, è stato effettuato il versamento di 5.500,00 euro affidando alle Suore della Carità di S. Giovanna Antida il compito di curarne l’amministrazione per il bene dei più bisognosi.

Aggiornato al 27 Maggio 2017 –

Solo ora riusciamo a pubblicare le nuove foto ricevute da Suor Maria Elena Berini, che riguardano il Centro Arc en Ciel dedicato a Flavio per i bimbi malnutriti e disabili di Bocaranga e villaggi limitrofi.  Pur tra mille difficoltà causate dai quattro anni di guerra a partire dal 2013, grazie al costante aiuto da parte di Ita Kwe Flavio Quell’Oller Onlus, questo centro per la riabilitazione e la nutrizione per i bimbi con difficoltà motoria e in difficili condizioni, sta andando avanti con buoni risultati.

Aggiornato all’8 Febbraio 2017

A breve arriveranno a destinazione gli aiuti inviati con i container caricati nel magazzino del Convento di Pontedecimo partiti sulla nave diretta a Douala salpata il 27 Ottobre 2016. Si tratta di Latte in polvere, sardine, biscotti e un po’ di giochi per i bambini. Ecco le foto dei pacchi inviati, utilizzando il nominativo delle Suore della Carità di Bocaranga per maggior sicurezza. Purtroppo in data 2 Febbraio sono giunte tristi notizie proprio da Bocaranga. Per i dettagli visitare la pagina degli aggiornamenti dalla R.C.A. dal 1° Gennaio 2017.

Pur nella tristezza ci consoliamo per le immagini che i nostri soci G.B. Montaldo e Marco Ravaioli (in trasferta non per i progetti di Ita Kwe ma per coadiuvare le Suore della Carità nella loro missione di Bouar) ci hanno inviato, a conferma dell’arrivo a Bouar dei container caricati sulla nave partita il 27 Ottobre scorso. Speriamo che presto possano giungere a Bocaranga.

°°°°°°°°°°°°

Aggiornato al 28 Ottobre 2016 – 

Salpata oggi la nave porta container con a bordo anche il latte in polvere, le sardine e i biscotti destinati ai bimbi seguiti al Centro Arc en Ciel di Bocaranga. Per maggior cautela, considerando i disagi ancora presenti in Centrafrica, i prodotti sono stati imballati in modo più sicuro utilizzando casse in legno e indicando come destinatarie le Suore della Carità.

Aggiornato al 27 Settembre 2016 –

Di ritorno dal viaggio in Centrafrica, i soci Miriam e Stefano ci hanno riportato un po’ di notizie su come procede l’attività al Centro. Purtroppo essendo stagione delle piogge i bimbi seguiti non sono numerosi e l’attività al Centro Arc en Ciel va un po’ a rilento. Però la cosa certa è che da quando è stato riaperto, nel settembre 2012, è stato un punto di riferimento per le famiglie in difficoltà e per i disabili, che lì hanno trovato accoglienza e cure. Ecco un po’ di foto:

Aggiornato all’8 Marzo 2016 –

nuovo contributo di oltre  € 5.000,00 euro per coprire le nuove esigenze nate per alcune operazioni ortopediche da eseguire a Mondou e per le spese di gestione del Centro Arc en Ciel (leggi su pagina relativa).

Aggiornamento 30 Novembre 2015 – 

D’accordo con Suor Veronique è stata garantita la spesa necessaria per la formazione di un giovane presso il Centro di Moundou, in Ciad. Nei giorni scorsi una sua bella lettera ci ha raggiunto per condividere con noi il cammino che sta facendo in previsione di un inserimento definitivo al Centro Arc en Ciel (vedi pagina in Centrafrica alla stessa data di oggi). Da parte nostra un grazie a lui, il cui nome è MELCHI NGOTO   e un augurio sincero di buon proseguimento negli studi e nella vita!

Melchi Ngoto fa pratica al Centro Arc en Ciel
Melchi Ngoto fa pratica al Centro Arc en Ciel
Melchi Ngoto fa pratica al Centro Arc en Ciel
Melchi Ngoto con Suor Veronique e un piccolo seguito al Centro Arc en Ciel

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Aggiornamento 3 Maggio 2015 –

Tornando dal Centrafrica i nostri amici Battista  e Marco ci hanno raccontato diverse cose, sia riguardo la triste situazione del post guerra (durata più di due anni!), dei vari lavori fatti nelle diverse missioni e di altre cose anche piacevoli. In particolare ci hanno portato una chiavetta con un po’ di foto relative al Centro Arc en Ciel e alla sua attività per il recupero dei bimbi malnutriti e disabili. Dopo il finanziamento della cucina (€ 3.000,00 inviati lo scorso anno) e la spedizione di alimentari tramite i container partiti a dicembre, la situazione sembra abbastanza tranquilla in questo centro ideato da Flavio ben 25 anni fa e ora portato avanti egregiamente da Suor Veronique e dai suoi collaboratori (sempre mediante il finanziamento di Ita Kwe).

Queste più sotto sono le prime foto a testimonianza del lavoro fatto in precedenza da Flavio, successivamente accantonato e ora rilanciato da Ita Kwe. Cliccando sulla foto che vi interessa potrete andare direttamente all’articolo relativo.

 

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.