… prima che sia troppo tardi!

Prima che sia troppo tardi …. e che la nostra umanità vada completamente alla deriva, occorre fare un passo indietro in tutti i sensi e rivedere quello che nel corso della storia più o meno recente è stato la causa dei grandi esodi di massa del nuovo millennio.

La globalizzazione ha accentuato ulteriormente le disparità economico-politico-geografiche perché dinnanzi allo sviluppo commerciale forzato e alla disumanizzazione da una parte, si è rimasti allo sfruttamento e al degrado umano dall’altra.

Importante non solo annotare una volta l’anno la data, quella appunto della giornata mondiale del rifugiato indetta sin dal 1951 il 20 giugno, che ci riporta a riflettere … in qualche modo .. sulle immani  tragedie che si stanno consumando sotto gli occhi di tutti qua e là per il mondo. Fondamentale avere ben presente che ignorare i diritti di chi si trova in queste terribili condizioni o, peggio ancora, non fare nulla per cambiare le cose se non addirittura esserne la causa, porterà solamente ad un deterioramento generale a livello mondiale.

Di ciò, se ne vedono chiaramente i segni molto preoccupanti e le prospettive future non lasciano immaginare nulla di buono per molti anni ancora!

 

Morire nella propria terra martoriata da guerre e da povertà … o morire cercando di sfuggire ad essa ?? … Triste sorte (solo tra le rive italiane)  per decine di migliaia di esseri umani “inghiottiti” dal mare in venticinque anni e tutto lascia intendere che ancora in tanti moriranno. 

Prima che sia troppo tardi forse qualcosa possiamo ancora cambiare ….

Precedente Due feste ... diverse Successivo Grazie e auguri a .....

2 commenti su “… prima che sia troppo tardi!

  1. Giugi (Arquata) il said:

    Un articolo che ha fotografato bene la situazione. Dobbiamo meditare perche’ stiamo andando alla deriva come i barconi!

    • E pensare che solo pochi secoli fa gli stessi mari erano solcati da navi piene di schiavi strappati alla loro terra “pagana” e nessuno stato occidentale “cristiano” si opponeva a questo terribile crimine …. anzi!!

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.