Da Bangui a Chiangrai …

 ….. passando per Genova!!

E’ ancora viva l’emozione per il viaggio del Papa in R.C.A., considerando che grazie a lui gli obiettivi finalmente sono stati puntati su uno degli Stati più “sfruttati” al mondo, con la conseguenza di una povertà dilagante e non rispondente all’effettiva potenzialità della nazione, in realtà tra le più ricche nel suo sottosuolo e nella natura. Forse davvero si potrà risolvere la penosa crisi portata dai tre anni di guerra (provocata dall’esterno)!

A tal proposito riportiamo due link interessanti per cogliere il succo del messaggio papale riguardo i rapporti tra cristiani e musulmani e le considerazioni condivise durante il rientro in Italia, invitando anche a seguire quanto verrà recepito delle sue raccomandazioni riguardo la delicata situazione ambientale, di cui si sta decidendo il futuro all’interno della conferenza di Parigi.

Rimanendo con il cuore in Centrafrica, dove la nostra Associazione ha portato avanti ben cinque progetti (di cui tre solo a Bocaranga per l’Ospedale, il Centro Disabili e l’Artigianato, uno a Bangui e uno a Berberati), è d’obbligo dare un po’ di resoconto su come si sia svolta la 19^ Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, che ha visto tra i protagonisti più attivi sul territorio della Valpolcevera tanti giovani (e meno giovani) di Ita Kwe, coordinati dal nostro eclettico socio fondatore Dino Mainardi.

L’impegno è stato davvero molto e il risultato ha premiato gli sforzi di tutti: ben 3.191 Kg di generi alimentari nella nostra zona (410 Kg. più dello scorso anno!) e in tutt’Italia la quantità di circa 9.000 tonnellate, con circa 200 tonnellate in meno del 2014.

Tra gli altri non immortalati nelle foto c’erano anche Franco (tra i cartoni), Gi.Bi. (per il trasporto di tutto alla sede del Banco Alimentare) e Silvana di Arquata, mentre la benzina per i vari spostamenti ed il noleggio del mezzo sono stati pagati da Ita Kwe in memoria di Salvatore, considerando anche lui tra noi e raggiungendo così il numero di oltre una quindicina di soci impegnati, più alcuni volontari del conventoGRAZIE A TUTTI DI CUORE (ANCHE A CHI CI AIUTA DA LASSU’!!)

E dopo questi doverosi aggiornamenti eccoci alla conclusione:

cosa c’entra Chiang Rai??

Qualcuno si ricorderà che nell’ottobre 2013 ci fu una bella serata di condivisione delle esperienze missionarie dei nostri giovani soci che erano andati in avanscoperta in Centrafrica, in Perù e in ….. Thailandia. Si trattava di Miriam Quell’Oller, Andrea Pedemonte e Federico Beati (laureandi in Medicina e Chirurgia), che avevano prestato servizio presso il Centro dei Camilliani Veneti, appunto, a Chiang Rai, da fratel Gianni Dalla Rizza nel luglio 2013.

Ecco alcune foto che riguardano l’aiuto a noi richiesto (abbiamo già provveduto in data 23 Novembre al bonifico di € 3.500,00) con il testo del progetto bimbi Hill-tribe (grazie alla Prof. Lidia per la traduzione) per l’educazione dei bambini che vivono in zone collinari disagiate, ai confini con la Birmania, accompagnato dalla lettera fratel Gianni sempre attento e attivo al 100% malgrado l’età e gli acciacchi! A lui, responsabile da tanti anni del Camillian Social Center, va il nostro grazie per questa opportunità che ci porta ad abbracciare un altro pezzetto di mondo!

Apri anche la sotto-pagina dei progetti relativa a questo nello specifico!

Precedente Fratello di tutti .... Successivo Appuntamenti e ... altro!

4 commenti su “Da Bangui a Chiangrai …

  1. Silvana il said:

    Se nel cuore c’è Dio, è lui che opera in noi con la forza dello Spirito santo. Noi dobbiamo solo lasciare che ci guidi “senza paura”. Silvana da Arquata

  2. Tania il said:

    Mi Piace (il cuore in Centrafrica)!
    Mi Piace (la Colletta Alimentare e TUTTI quelli che l’hanno fatta….)!
    Mi Piace (Chiang Rai)!
    Tania

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.