Dal 01/01 al 24/02/17

Aggiornamenti più sotto: al  24 Febbraio 2017

Dopo le innumerevoli pagine aperte in precedenza, a partire dal Dicembre 2013 fino all’ultima conclusasi il 31 Dicembre 2016, dopo tre anni di guerra, violenza, distruzione,  ecco l’ennesima “finestra sul Centrafrica” a cui diamo spazio con l’augurio che da ora in avanti le notizie siano sempre più positive.

Per fare un po’ il punto della situazione e per condividere ancor più la sorte di questo popolo ancora alla ricerca della pace sociale, riportiamo innanzitutto (in data 1° Gennaio 2017) il discorso del Capo di Stato alla popolazione in occasione dell’inizio del nuovo anno (in fondo alla pagina!) e vi invitiamo a dare un’occhiata anche alle informazioni inserite all’inizio della pagina madre “AFRICA”.

Il nostro interesse per questa nazione ovviamente non è un caso e, già a partire da quando a fine giugno 2013 lanciammo la “petizione urgente per il Centrafrica”, il nostro intento era portare alla conoscenza di più persone possibile la triste situazione in cui si erano venuti a trovare coloro ai quali per primi ITA KWE si era rivolta proseguendo l’opera missionario di Flavio e partendo con i primi progetti “africani”, compresi ora nella pagina più ampia che li raccoglie tutti.

Aggiornato al 24 Febbraio 2017 –  

Mentre più sotto sono stati raccolti alcuni pezzi pubblicati su Centrafrique-presse, per i quali non ancora è stata completata la corretta traduzione, diamo con qualche giorno di ritardo la bella comunicazione che Mons. Dieudonnè Nzapalaynga ha effettuato, pochi giorni dopo il suo rientro dalla Spagna, la sua visita a Bocaranga, proprio nella missione colpita ai primi di febbraio da una inspiegabile ondata di violenza. Inutile dire che per la popolazione della cittadina si è trattato di un vero e proprio dono della provvidenza, per poter riprendere con più serenità la vita quotidiana senza sentirsi abbandonati dal loro Pastore. Il Cardinale ha avuto parole di incoraggiamento e di gratitudine per i missionari operanti da tanti anni a Bocaranga e qui brevemente, più che con parole, lasciamo lo spazio alle immagini raccolte tramite il parroco, il cappuccino polacco fra’ Robert Wnuk.

Da Centrafrique-presse: http://centrafrique-presse.over-blog.com/ 16 Febbraio 2017

Africa centrale: da tutti i fronti della politica critiche e preoccupazioni per la recrudescenza della nuova ondata di violenza.

DA SYLVESTER Sokambi DEL 15 FEBBRAIO 2017

Bangui, 15 feb 2017 (RJDH) – Dieci partiti politici hanno denunciato il crescente violenza causati da lotte fratricide tra l’UPC e la coalizione PRGF-MPC, tre gruppi armati della ex Seleka. Essi hanno indicato in una dichiarazione congiunta rilasciata il 14 febbraio. Tutti i principali partiti politici sono firmatari di questa dichiarazione in cui affermano la loro preoccupazione a seguito dello scoppio di violenza in diverse città nell’entroterra. Questi politica spiegare che “i focolai estremamente gravi causate violenza (…) illuminato su quasi tutto il territorio dell’Africa centrale.”

Nella loro comunicazione, i leader politici temono un irraggiamento del calore che potrebbe portare a una possibile destabilizzazione delle nuove istituzioni derivanti dalle elezioni del gennaio-febbraio 2016. Il blocco dei dieci partiti politici chiedono al nuovo governo e il minusca a compiere gli sforzi necessari per evitare ciò che egli chiama “la battaglia di Bambari” le cui conseguenze, dice la nota, potrebbe essere disastroso.

Ferdinand Alexander Nguendet , presidente del Raggruppamento per la Repubblica (RPR), firmataria pone neutralizzando Ali Daras come soluzione alla violenza rinnovata. Vuole usare la forza per fermare il leader UPC. “Il problema di Bambari e l’intera regione è Daras Ali, che non è Centrafricana, ma, forte di 2.000 uomini a sua disposizione, il disordine creato. La soluzione oggi è la neutralizzazione del Niger. Vieni neve pioggia, Daras Ali deve essere neutralizzato con la forza altrimenti l’incertezza continuerà “, ha spiegato in un’intervista a RJDH.

Le regioni di Haute-Kotto e Ouaka sono preda per tre mesi in violenza connessi alla lotta tra la coalizione MPC-PRGF con l’UPC. Ci cinque giorni, il generale Joseph Zoundeko , ex capo di stato maggiore della Seleka, è stato ucciso in un raid di minusca all’ingresso della città di Ippy, a meno di 80 km Bambari che sono trincerati Daras Ali ‘s ed i suoi combattenti. La situazione è fonte di confusione per il tempo Ippy e precario in Bambari, dove nessun combattimento è ancora stato riferito, anche se sono rapporti di riprese sporadiche.

Repubblica Centrafricana: PRGF determinato a cacciare Ali Darass Bambari

DI BENVENUTO MARINA Moulou-GNATHO IL 15 FEBBRAIO 2017

Bangui, 15 feb 2017 (RJDH) – Il Fronte Popolare per la centrafricana rinascimentale (PRGF), ha ribadito la sua determinazione a sloggiare il UPC e il suo leader, Ali Darass, Bambari. L’annuncio è stato dato lo scorso Martedì 14 febbraio dal suo vice capo di stato maggiore, Azor Khalit. Dopo la morte del capo di stato maggiore della PRGF, il generale Joseph Zoundéko in un raid ultima Domenica minusca, questo movimento armato è sempre determinato a cacciare l’UPC che ha fatto Bambari sua roccaforte.

Intervistato dal RJDH, Azor Khalit ha detto che il PRGF superato la città a 10 Km. E la morte di un comandante militare non cambia il loro obiettivo è sempre prendendo Bambari. “Se minusca non fosse intervenuto, avremmo già vinto Bambari. Il nostro nemico non è il minusca ma Ali Darass, così da poter tornare nel suo paese, il Niger e fermare manipolare la città di Bambari “ . Con voce ferma, ha sottolineato “non si lotta contro il minusca, ma il nostro unico obiettivo è quello di rimuovere Ali Darass Bambari. Minusca le fermate con il suo doppio gioco “ .

Le circostanze della morte del suo compagno Zoundeko , n ° 2 dell’ala militare del PRGF ha riferito che “il Zoundeko generale è stato colpito dal proiettile di minusca quando ha avvertito le donne e bambini da nascondere “. Per tre mesi, gli ex alleati del Seleka impegnati in una fratricida centro di lotta CAR. Il PRGF attraversato Domenica scorsa la linea rossa disegnata dal minusca, che costò la vita del generale Joseph Zoundéko , uno dei leader di questo movimento. Su questo aumento della violenza, 10 partiti politici hanno risposto a condannare la recrudescenza delle ostilità che interessano la vita dei civili.

(forse)  Francois Hollande ha perso la guerra.
https://www.letemps.ch   Richard Werly  Mercoledì, 15 febbraio 2017 alle 15:22 

@LTWerly

Leggere per voi: Guerre (forse) ha perso a Francois Hollande

Gli interventi nel 2013 dall’esercito francese in Mali e Repubblica Centrafricana sono ancora presentati come due grandi successi del mandato di cinque anni di Francois Hollande. Problema: le notizie dal campo, tre anni più tardi, sono di crescente preoccupazione

Questo non è ancora un ulteriore ammissione di fallimento per il quinquennio di Francois Hollande. Ma il presidente francese ansioso, uno zoppo, esposizione di pezzi di bilancio che i suoi connazionali possano essere orgogliosi, le notizie dal Mali, Repubblica Centrafricana e il Sahel sono ben lungi dall’essere l’euforia vittoriosa degli anni 2014 -2015. “Tutti gli indicatori su Bamako sono preoccupanti”, dice un esperto di questi record militari, ex analista dei servizi segreti francesi. Lo sconto sullo stato delle rotaie in Mali, dove l’esercito francese è intervenuto in maniera massiccia con il funzionamento Serval nel gennaio 2013, è a parere di molti esperti – ha recentemente confermato la “Time” da un delegato del comitato Croce rossa Internazionale – in mancanza titolo definitivo. Di chi è la colpa? Il nostro interlocutore, che ha chiesto l’anonimato, accuse: “Per il presidente Ibrahim Boubacar Keita (IBK, eletto nel mese di settembre 2013), che fa parte della cerchia familiare è rovinata da soldi della droga. Alle Nazioni Unite, il cui forze di pace contingenti Minusma (la forza di pace di circa 10.000 soldati da una dozzina di paesi) sono più preoccupati per la propria sicurezza rispetto a quelli di maliani. paesi europei, tra cui Germania, non sono disposti ad esporre i loro uomini per gli stessi pericoli che i soldati francesi ancora presente. “

Convogli di cocaina e carovane di migranti

Il caso del Mali, questo enorme paesi chiave del Sahel con cui convogli in transito di cocaina e carovane di migranti verso l’Europa, non sarà sul fronte del palco alla conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera che si terrà questo week-end. L’elite internazionale della difesa sarà nella metropoli bavarese, gli occhi sul nuovo team di amministrazione diplomatico-militare Trump . Per la Francia e l’Europa occidentale, invece, la sfida dell’Africa rimane significativo in termini di stabilità e di previsione economica.

Se Mali, ancora di fatto divisa tra Nord e Sud, è stato via via crollando, l’impatto sarebbe significativa e riporterebbe molto rapidamente all’Eliseo per i peggiori scenari previsti all’inizio dei Cinque Olanda. Bamako, lo ricordiamo, è stato nel 2012, alla portata di milizie islamiche, guidati da Tuareg armati di scorte e portato in Libia. Africa centrale, alcuni mesi dopo, immerso nel caos della guerra civile, costringendo l’esercito francese di intervenire in dicembre 2013 (operazione Sangaris) per fissare Bangui, la capitale, e costretto le Nazioni Unite a seguire con una seconda operazione di mantenimento della pace. Effetto domino, rilascio Françafrique.

Jean-Yves Le Drian, “il ministro dell’Africa”

Un uomo in tutta la sua operazioni militari decisive, è emerso come il personaggio cardine della presidenza Hollande : il ministro della Difesa Jean-Yves Le Drian. Più che un ministro, un simbolo di autorità dello Stato la cui personalità è ben circondata da giornalista Hubert Coudurier nel suo eccellente libro “Jean-Yves Le Drian , presidente della spada” (Ed. Plon ). Uno che molti a Parigi, soprannominato il “ministro della Gran Bretagna ‘ (lui è di nuovo nel dicembre 2015 il presidente della regione) aveva anche venire a rappresentare agli occhi del diritto di opposizione, una sorta di figura intoccabile.

“Le Drian è rapidamente affermata come il ministro dell’Africa, anche se i diplomatici rifiutano l’appellativo di” conferma l’autore. Che, pur consolidando la statua del comandante della ex vice sindaco di Lorient, nel suo libro dà decisione alle domande del ricorrente. Come quando gli affida sulla Libia destabilizzato dal rovesciamento del colonnello Gheddafi ha deciso dall’ex presidente Nicolas Sarkozy nel 2011: “Se qualcuno capisce cosa sta succedendo, mi interessa.” Il problema è che le tensioni in questa parte dell’Africa, al fine di garantire che anche i francesi forze speciali funzionamento barkhane, non è sempre possibile regolare la “spada”. Africa centrale – dove il centro politico e la sicurezza di Ginevra organizzato nel mese di gennaio un seminario sullo Stato di diritto – è lungi dall’essere una entità nazionale coesa. Fasce di suo territorio, in particolare quando le risorse minerarie sono abbondanti, sono fuori di stato e fuori legge. La realtà della geografia e il traffico ha ripreso i suoi diritti.

Si ricorderà a metà gennaio, il vertice Francia-Africa a Bamako, François Hollande è stato applaudito e festeggiato perché ha avuto il coraggio di agire. Il suo successore avrebbe potuto, dovendo affrontare la parte posteriore di questa eredità.

17 Feb 2017

Finalmente anche la Stampa Centrafricana ha dato la notizia: Il premio Mundo Negro arriva nel paese

Il prezzo Mundo Negro arriva nel paese

 

 

http://www.pcrc-rca.org/   2017/02/16 – Bangui

 

Secondo Imam Umar Kobine Layama , questo premio viene assegnato in riconoscimento del lavoro che il luogo CRCP nella Repubblica Centrafricana. Questo è quello di incoraggiare gli africani centrali per ricostruire la loro fraternità e ricostruire il loro paese in pace. ” La Repubblica Centrafricana è stato onorato da questo premio dà un esempio per molti altri leader religiosi .” Nel contesto della coesione sociale, l’imam Omar Kobine continua questo premio è un incoraggiamento per tutti gli africani centrali che sono coinvolti nella coesione sociale in modo che diventi una realtà e che la RCA tornare ad essere la Svizzera dell’Africa.

Se il mondo testimonia il lavoro che i leader religiosi della Repubblica Centrafricana e attinge alla sua esperienza, credono che il futuro del mondo poggerà l’esperienza dell’Africa centrale che i leader religiosi di altre nazioni può essere pienamente coinvolto nel ritorno delle attività di pace e la coesione sociale nel mondo “. Si evidenzia il patrocinio della creazione di piattaforme religiose in alcuni paesi da parte del CRCP. ” I leader religiosi della Spagna si sono impegnati a creare una piattaforma di confessioni religiose nella città di Granada in Spagna, è lo stesso caso nei Paesi Bassi, Stati Uniti d’America e altrove, dove stiamo sponsorizzando la creazione di piattaforme di leader religiosi “. Imam Omar Kobine Layama esorta gli africani centrale per godere di questa esperienza e ritiene che il mondo ha da PCRC.

Se le persone gettano fiori e riconosciamo in noi la capacità di portare la conoscenza e riunire gli africani centrale, questo è un esempio che noi (gli africani centrali) tutti dobbiamo godere .” Ha usato l’occasione di fare appello a tutti coloro che hanno le armi in loro possesso e che pensano che sia con la forza a cui si accede la vittoria, che la vittoria rimane in discorso Dio. ” Le armi possono mai portare la pace. Che uccide con le armi, morirà di armi.Che cosa si fa con l’altra domani ferrato. Dobbiamo costruire la pace per questo entro domani il nostro turno, gli altri facessero a noi la pace nei nostri quartieri ovunque ci troviamo “.

E ‘stato su invito della rivista Comboniene Mundo Negro (rivista World nero che promuove Africa) come le loro Eminenze Imam Oumar Kobine Layama e Dieudonné cardinale Nzapalaingadue leader del PCRC, era andato in Spagna per ricevere PREZZO PACE E FRATELLANZA assegnati al PCRC. La rivista Mundo Negro è un lavoro della Congregazione dei Missionari Comboniani.

15 Febbraio 2017 – per dovere di condivisione è stato dato spazio anche con un post sull’homepage alla notizia riportata sotto.

12 Febbraio 2017 – http://www.news.va/it/news/lamicizia-in-repubblica-centrafricana-fra-il-cardi

04/02/2017  – da L’Osservatore Romano

A Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, la gente li chiama i gemelli di Dio. E sì che sono molto diversi in quasi tutto. Uno è il cardinale Dieudonné Nzapalainga, alto e imponente, arcivescovo di Bangui, l’altro è l’imam Omar Kobine Layama, minuto, filiforme e responsabile della moschea centrale della capitale. Sono diversi, ma uniti nel loro lavoro per la pace in una nazione impantanata nella violenza e per costruire un futuro migliore per il popolo. Il cardinale e l’imam sono convinti che il dialogo interreligioso sia l’unica strada per la soluzione del conflitto che martorizza il Paese dal marzo del 2013 e per questo hanno fondato la Piattaforma delle confessioni religiose alla quale ha aderito anche l’Alleanza evangelica del Centroafrica.

Entrambi sono in questi giorni a Madrid per ritirare il premio «Mundo Negro a la fraternidad 2016» per la loro opera di riconciliazione, pacificazione e promozione del dialogo interreligioso, e anche per partecipare al «XXIX Incontro Africa» (3-5 febbraio) organizzato ogni anno nella capitale spagnola dalla rivista «Mundo Negro» e dai missionari comboniani.

Leggi anche da: https://eclesalia.wordpress.com/2017/02/10/13822/ “I gemelli di Dio”.

Tra le tante brutte notizie, finalmente un barlume di speranza: nei primi giorni di febbraio a Madrid si è tenuto un incontro organizzato dai padri comboniani, a cui hanno partecipato il cardinale di Bangui Dieudonné Kzapalainga e l’imam di Bangui Kobine Layama, premiati per il loro impegno a favore della pace. Tanto già era stato fatto da questi due “fratelli speciali” durante i periodi più sanguinosi del conflitto centrafricano e ancora sarà molto il lavoro che dovranno svolgere come “missionari della pace”.

Qui un accenno sul contenuto della rivista spagnola: “Un cardinale e un imam uniti come fratelli dall’amore al proprio popolo ferito e diviso dalla violenza nella Repubblica Centrafricana. La testimonianza di questi due uomini e la fortuna di aver potuto conoscerli e vedere con i miei propri occhi il loro sguardo di complicità fraterna…è stata una benedizione che mi ha spinto a scrivere affinché in tanti possiate sapere di loro e perché ci aiutino a unirci per la pace e la fratellanza tra tutti, cosa di cui c’è bisogno. Se quando lo leggi qualcosa ti si smuove dentro, condividilo. Questa è una BUONA NOTIZIA”  …….
Il testo prosegue e per chi vuole leggerlo in spagnolo … è qui.
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

 10 Febbraio 2017 – anche da p. Robert giungono notizie

Bocaranga, 4 Febbraio 2017

Saluti a tutti da Bocaranga.

In queste righe mi limiterò a descrivere la situazione degli eventi dalla mattina del 2 febbraio 2017. Intorno alle 5:45 abbiamo sentito spari fuori della nostra chiesa, accanto alla missione. Le suore della Carità e noi padri cappuccini ci stavamo recando in chiesa per la preghiera del mattino. Le suore hanno visto gli aggressori dirigersi verso il villaggio dei catechisti, che si trova dietro la missione, dirigendosi poi verso la città. All’improvviso un colpo ha dato loro il segnale di attacco. Abbiamo sospeso la nostra preghiera e siamo tornati alla missione. A Bocaranga delle persone sono state spaventate da detonazioni molto forti. La gente ha cominciato a fuggire e si è diffuso il panico. Già intorno alle 6:00 abbiamo appreso della morte di 2 persone. Continuavamo a sentire i colpi delle armi pesanti. Alcuni testimoni hanno detto che c’erano 3 gruppi di ribelli provenienti ad ovest di Bocaranga, dal percorso di brousse (savana) dal quartiere di De Gaulle. Erano Fulani (Mbororo) che anche io ho visto e sentito. Elementi della 3R – una ribellione che ha mosso solo nella nostra regione più di 30 mila persone. Uno di loro era seduto su un cavallo con un fucile kalashnikov in mano. La gente fuggiva spaventata.  C’era un gruppo di persone (circa 200), per lo più donne e bambini che si sono rifugiati nella casa delle suore, mentre con noi frati  2 famiglie con bambini (una ventina di persone). Gli spari hanno continuato fino alle 10 del mattino, quindi ….. 4 ore di Apocalisse!

I ribelli hanno attraversato tutti i quartieri appiccando le fiamme ai negozi e alle case. Verso le 10 sono ripassati dalla missione per riprendere la strada del ritorno verso il quartiere De Gaulle nella brousse.  Erano circa 60 persone, molto ben armate. Questa volta, un gruppo di 7 persone ha iniziato a forzare il portone della missione. Hanno sparato, i frati erano nelle loro stanze, ognuno ha pregato come poteva. Sentendo che il nostro cancello si stava aprendo, sono andato a … accogliere i banditi. Speravo che venisse solo a  rubare, non a uccidere. Ed è stato così. Sono venuti con la forza minacciandomi, volevano i soldi, computer, moto, ecc Sono entrati nella mia camera e hanno saccheggiato …. non male per loro….. Dopo 30 minuti sono usciti prendendo anche la nostra moto e altro. ….. Anche questa volta San Francesco ci chiede di dare tutto! E’ stato l’ultimo gruppo che è ripartito verso De Gaulle. 15 minuti dopo sono arrivati gli Antybalaka che li stavano inseguendo.

Come è possibile che sessanta persone vadano terrorizzando una città di 15.000 abitanti, senza contare gli sfollati? Dove hanno trovato le armi, a quale scopo, per che cosa? Problemi e domande …    Intorno a mezzogiorno alcune persone hanno cominciato a recarsi nei loro campi per fare la conta dei danni. Da Venerdì la gente di Bocranga conta i suoi morti: ci sono 18 persone uccise, alcune massacrate. Crudele. Diversi sono stati feriti da proiettili, alcuni trasportati  a Bouar o Ndim, a Ngaoundaye, alcuni ancora ricoverati a Bocaranga. L’obiettivo degli aggressori è stata la distruzione della città. Hanno bruciato oltre 35 commercianti negozi, diverse case, camion. La presenza di forze internazionali – “ambigue”, per dirla in breve! Le persone che hanno difeso le loro famiglie e le case hanno detto che la Minusca si è comportata così. Difficile trovare testimoni, molti dicono di aver visto, ma è difficile da verificare, anche se tutti ne parlano.

Giovedi, 2 Febbraio – il giorno dedicato alle persone consacrate – che il Signore ci consacri in anticipo per farci dedicare solo a lui? – era giorno di festa per noi ma il Signore l’ha preparata in modo diverso. Giovedì pomeriggio e alla sera a Bocaranga lacrime per morti e per i dispersi. “Le lacrime di Rachele a RAMA”, come nella Bibbia, “il grido di Bocaranga.” Nella brousse ci sono circa dieci migliaia di sfollati, senza cibo, senza riparo, senza medicine, senza acqua potabile, senza un tetto per la notte in questo freddo (ora c’è il vento della stagione secca e Bocaranga si trova su un altopiano), mamme in attesa e neonati in piena savana. Tantissimi bambini si sono smarriti, rimasti senza genitori. E ‘davvero triste.

Venerdì mattina, la gente rientra dalla brousse ancora traumatizzata, sconvolta, scioccata. Da Giovedì la scuola ha smesso di funzionare, si spera di riprendere immediatamente, le antenne di telefonia mobile boicottate, nessun mezzo di comunicazione, il lavoro dell’ospedale paralizzato, mancanza di personale, di farmaci. Venerdì mattina la Minusca ha iniziato a pattugliare la città. Ma la gente non si fida. Come mai? Sicuramente c’è una causa. Venerdì abbiamo avuto un incontro con il capo di base del contingente della Minusca, io, fra’ Tomas, un responsabile della ONG Cordaid e 5 persone della parte civile nella città di Bocaranga. Uno scambio sulla situazione. La Minusca si scusa di non sapere chi è chi: chi è ribelle, chi è Balaka, chi è civile. Assicura che le pattuglie nella città continueranno ogni giorno. Il comandante della base sembra essere aperto, ci aspettiamo fatti concreti.  Non solo parole, spesso vuote. Abbiamo fissato un giorno settimanale per lo scambio di informazioni.

Oggi, sabato 4 febbraio non sono ancora rientrate tutte le persone. Timidamente vengono in città per ripartite la sera verso i campi, dove passeranno la notte. Non c’è ancora sicurezza secondo loro.

Noi della missione, le suore e i frati,  stiamo bene, ringraziamo il Signore (Merci na Nzapa). In questi giorni io e fra’ Tomas avremmo dovuto partire per un ritiro annuale, ecco ora un ottimo ritiro sul posto. La vita diventa più semplice, con le preoccupazioni, ma con la convinzione che questo è il nostro posto. Grazie per le vostre preghiere e parole di incoraggiamento, la preghiera di unione. Preghiamo soprattutto per questo popolo, sia per le persone martiri così anche per i malfattori. Che la gente ritrovi la vera pace.

fr Robert Wnuk OFMCap, Bocaranga RCA

7 Febbraio 2017 Da Bocaranga giunge il seguito di quanto accaduto dopo il terribile giorno del 2 Febbraio.

VENERDI’ 3 FEBBRAIO 2017

La notte è stata infruttuosa, il sonno tardava a venire. Eravamo attente a tutti i piccoli rumori….  Finalmente si leva l’aurora, un vento capriccioso fa danzare i rami degli alberi. Sentiamo delle grida…. Delle donne piangono i loro morti, i dispersi…. Bocaranga non smette di gridare la sua sofferenza…. di piangere.

« Il tuo popolo Signore  è disperso nella savana, senza riparo, senza cibo, senza medicinali, senza coperte per coprirsi, abbandonato alla sua sorte in una natura selvaggia… »

« Tu, che ti  dici in mezzo al tuo popolo, sentirai un giorno le sue grida… »

Poco a poco, gli uomini ritornano dalla savana per raccogliere le loro povere cose. Sono sconvolti da quello che hanno visto e vissuto.

Anche noi siamo immersi in un fiume di insicurezza, con tutte le persone che sono nelle nostre case, nelle aule del liceo, più di 250 persone  donne anziane, bambini, giovani, uomini.

Padre Robert e alcuni rappresentanti della società civile, delle ONG, hanno incontrato i responsabili della Minusca (militari dell’ONU) per fare il punto sugli avvenimenti e sollecitarli a venire in aiuto alla popolazione e mettere in sicurezza la città. La loro presenza a Bocaranga è ambigua, non sappiamo da che parte stanno … e ciò che fanno. Dopo questo incontro, nel pomeriggio, tre carri da guerra si sono posizionati davanti alla chiesa, ma la loro presenza non rassicura la popolazione e neanche noi !

Dopo una giornata di tensione e di paura, la notte ci prende tra le sue braccia.

« Dormo, ma il mio cuore veglia »

SABATO 4 FEBBRAIO 2017

Un cielo nuvoloso ci scopre il suo viso, i raggi del sole fanno difficoltà a passare attraverso le nuvole. Alla celebrazione eucaristica, tendiamo le mani verso Colui che è la Fonte della Vita per implorare la Pace, affinché questo circolo vizioso della violenza, della vendetta, sia spezzato…

Corrono voci che i Mbororo si preparino a ritornare….. Eccoci di nuovo immersi nell’inquietudine …. i quartieri si vuotano, l’Esodo ricomincia: vediamo donne che fuggono con pesanti conche sulla testa, uomini che trasportano dei materassi, bambini che seguono i loro genitori, tutti si inoltrano nella savana, sperando di essere in sicurezza: la gente vuole salvare quel poco che possiede.

Che tristezza !

La notte è cupa, la luna è già tramontata, ma le nostre menti sono in allerta.

DOMENICA 5 FEBBRAIO 2017

Il giorno sorge timidamente con la sua parte di speranza. Cantiamo la funzione religiosa del mattino e ringraziamo il Signore di aver protetto la gente durante la notte. Andiamo in chiesa, che è quasi vuota…. ma poco a poco, le persone arrivano.

Li osservo : i loro abiti sono sporchi, strappati perché hanno dormito nella savana. I loro piedi sono impolverati perché hanno camminato nella savana, i loro visi esprimono sofferenza e paura.

Ammiro il loro coraggio, il loro desiderio di venire  a pregare affinché questa follia omicida possa cessare. Mi sento toccata nel più profondo di me stessa dalla loro testimonianza, dal rischio che hanno corso, a ogni rumore tutti volgevano lo sguardo verso la porta di uscita della chiesa….

Il mio cuore è sconvolto. I poveri hanno questa forza di credere all’ « IMPOSSIBILE ». Risuonano canti pieni di vita, i corpi si muovono in un movimento timido di danza anche se i cuori sono feriti da tanta sofferenza  che sopportano da anni e anni….

Respiriamo questo clima di insicurezza, di angoscia, di paura con questa popolazione fortemente provata, e cerchiamo di portare conforto, di alleviare la sofferenza della gente con le nostre parole, i nostri gesti concreti di aiuto e attraverso le nostre preghiere.

Ho l’impressione che tutto crolli, l’odio e la violenza sembrano dominare. E tuttavia, nonostante i nostri dubbi, crediamo che il Signore sia al centro di tutti questi avvenimenti che straziano il mondo, questo mondo dei più miseri e dei più poveri. Le nostre mani sono vuote, tese verso di te, Signore, in un atto « di ABBANDONO ».

Il crepuscolo inonda teneramente la savana e le colline che ci circondano. Il cielo riveste il mantello della notte  che ci accoglie nella sua quiete.

   Sr. Maria Elena Berini

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

7 Febbraio 2017 – da radio vaticana – leggi tutto Bocaranga 18 morti ….

°°°°°°°°°°°°°°°°°°

6 Febbraio 2017 – leggi tutto: http://centrafrique-presse.over-blog.com/2017/02/nouvelles-nationales-sur-rjdh-8.html

6 Febbraio 2017 – ricevute notizie molto tristi da parte di suor M. Elena Berini e dalle sue consorelle (Suore della Carità di Santa Giovanna Antida) di famiglia a Bocaranga. Per anticipare le informazioni inseriamo quanto ricevuto direttamente in lingua francese, rimandando appena possibile la traduzione in italiano. Per agevolare nella comprensione copiamo pari pari il testo della mail ricevuta in accompagnamento:

Carissima Silvana a te e famiglia i nostri cari saluti.

Viviamo momenti difficili a Bocaranga.Ieri diversi gruppi di MBORORO e ribelli hanno attaccato verso le sei del mattino Bocaranga. Una sparatoria da far paura fino dopo le dieci del mattino, poi sono ripartiti in brousse. Molta gente si é rifugiata da noi, nelle scuole, ai foyers delle ragazze e molti sono scappati in brousse. Ora stanno tornando timidamente…. Ci sono stati più di 15 morti, ma ce ne sono ancora… C’é gente che non vuole che la Pace torni in Centro Africa… la Francia, i militari dell’ONU sembra che facciano il doppio gioco aiutando i ribelli e governativi……. Le scuole e il Centro handicappati sono chiusi per qualche giorno. Oggi c’é calma…. fino a quando? Viviamo ogni giorno nell’insicurezza.  Il Centro funziona bene, ci sono più di 11 bambini che vengono per la  nutrizione e una 10 di adulti per massaggi e cure. Purtroppo la situazione sociale é molta difficile per questa popolazione duramente provata da anni di guerra e la ripresa economica molto, molto lenta.
Vi ringraziamo di cuore per l’aiuto che fornite a tanta povera gente e bambini.
L’ospedale continua a mandarci casi di neonati che hanno bisogno di latte…
A tutto il gruppo ITA-KWE FLAVIO QUELL’OLLER il nostro grazie per la vostra generosità.
Ciao  sr. M. Elena   –  Bocaranga 03/02/2017 – h. 11,33

Ed ecco il resoconto dettagliato di quanto vissuto a Bocaranga proprio il giorno 2 Febbraio, quando inserivamo gli ultimi aggiornamenti avuti da p. Francesco Rossi senza sapere ancora nulla di tutto ciò:

Bocaranga, le 2 février 2017

Bien chères Mère Nunzia et sœur Paola Neloumta, chères sœurs, amies et amis.

Voici ce qui s’est passé hier, 2 février, à Bocaranga, ce que nous avons vécu avec la population :

Aux premières lueurs de l’aube, j’étais en train d’aller à la Messe. Il était 6h moins 10. Sortie par le petit portail j’ai entendu des pas derrière moi, je ne me suis pas tournée car je pensais que c’était des gens qui venaient à la messe. Tout à coup, quelqu’un m’a tapé sur l’épaule, je me suis tournée et j’ai vu un grand gaillard devant moi et toute une colonne de Bororos puissamment armés.

Le Bororo m’a tendu la main pour me saluer et m’a fait signe d’entrer à l’Eglise. Sr. Eliane était derrière moi et elle est rentrée tout de suite à la maison. Sr. Emma était à la porte de l’église, les Bororos lui ont font signe d’entrer. Les autres sœurs étaient encore à la maison. Arrivés devant l’Eglise, les Bororos ont commencé à tirer. En même temps d’autres colonnes étaient entrées à Bocaranga par des endroits différents. Je suis rentrée à la maison, nous avons tout fermé et par les fenêtres nous pouvions voir ce qui se passait…

Les gens surpris par cette arrivée ont fui en brousse. Dans la débandade, certains ont rencontré les Bororos qui les ont tués. Beaucoup de gens sont venus chez nous avec le peu de choses qu’ils ont pu sauver. Ils sautaient par le grillage de la concession derrière le foyer Enrichetta pour rentrer, ou passaient par le grand portail du lycée Nemesia. Nous les avons logés aux foyers, dans les salles de classe. Les tirs ont duré plus de 4 heures et étaient bien nourris. C’était terrible !

La Minusca, les militaires de l’ONU, présents à Bocaranga, n’ont pas bougé le petit doigt pour venir au secours de la population… Il y a eu plus de 15 morts, d’autres ont disparu, on ne retrouvait pas des enfants qui avaient fui en brousse.

Les antibalakas, surpris par cette attaque imprévue, se sont organisés petit à petit, mais trop tard… Les Bororos ont eu le temps de brûler le marché, beaucoup de magasins, 2 gros camions… d’enfoncer les portes des maisons des gens, de voler leurs biens…. de détruire les antennes téléphoniques… tout a été si rapide !

Ensuite, ils ont repris le chemin de la brousse en passant derrière notre concession. Ils étaient nombreux. Certains sont allés chez les pères et ils ont volé la moto du curé, sont entrés dans sa chambre et pris 4 ordinateurs, les téléphones, de l’argent…

La femme d’un de nos maitres qui travaille à l’école Bakita, cousin de

  1. Jeanne, a été tuée par des balles perdues.

Après le départ de ces groupes armés, un silence de mort planait sur le village…Une profonde tristesse habitait nos cœurs…

Nous avions revécu les événements de janvier 2014 quand le dernier contingent des Selekas était passé à Bocaranga le 2 février, jour de la Fête de la Présentation de Jésus au Temple !

Que d’émotions, de peurs… Nous sommes vraiment lasses, nous ne voyons pas d’issue dans ce conflit qui continue à semer la mort dans ce pays, surtout dans les provinces abandonnées par l’Etat.

Le soir à 17H30, les pères sont venus célébrer la Messe dans notre chapelle. C’est la fête de la Vie consacrée !

Que de choses à dire à Dieu qui semble oublier la souffrance de son peuple…

Nous déposons dans son cœur de Père les cris et les pleurs des familles qui ont perdu des êtres chers, le désespoir qui habite ceux et celles à qui on a tout volé, pillé, saccagé… la tristesse des enfants privés d’instruction, des cours à l’école, notre souffrance de vivre la mission toujours sous tension, entourées par tant de violence.

Le soleil nous fait ses adieux. On entend encore quelques tirs, puis le silence s’installe sur le village et la nuit nous enveloppe tous. Malgré ces événements tragiques, nous continuons à croire et à espérer que la PAIX est possible, que le cœur de l’homme peut changer, que la Vie est plus forte que la Mort.

Merci à toutes pour vos prières, votre amitié qui nous donnent le courage de continuer notre mission, filles de Ste. Jeanne Antide au service de ce peuple centrafricain que nous aimons.

La fraicheur du matin de ce nouveau jour et la beauté de l’aurore nous relancent sur le chemin de la mission. Nous ne savons pas ce que le futur nous réserve, nous croyons que Dieu est là malgré son silence !

 Sr. Maria Elena Berini

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

2 Febbraio 2017 – Rientrato in questi giorni da un breve viaggio in R.C.A. il segretario del Centro Missioni estere dei Cappuccini liguri, padre Francesco Rossi, riporta notizie ancora poco rassicuranti sulla situazione generale del Centrafrica. Numerosi i gruppi che creano disordini e violenze; numerose le armi ancora in circolazione; nessun controllo delle autorità in alcune zone del territorio, dove sono ancora difficili i rapporti tra le diverse fazioni in lotta da più di tre anni. Le strade che portano da Bouar a Bocaranga e da Bocaranga a Ngaoundaye e ancora più a nord est sono quasi impraticabili a causa dei danni dovuti alla mancanza di manutenzione.

Fortunatamente i progetti portati avanti da Ita Kwe Flavio Quell’Oller procedono e in mezzo a tanto caos e disordine, qualcosa che funziona c’è ancora!!

R.C.A.  Bouar – 25 Gennaio 2017  riportiamo da Radio Siriri – Michal Mamadou

Pesanti combattimenti nei giorni scorsi nelle zone di Pende e Santouane reso molto insicuro il traffico tra la città di Bocaranga e Bouar, con uomini armati provenienti dai diversi gruppi che si spostano e spadroneggiano a due a due su delle moto.

Sono avvenuti dei combattimenti tra il “3R” Sidiki e il gruppo anti-Balaka, e pare che almeno 7 morti siano state causate, due soldati della minusca del Bangladesh hanno agito come forza di inter-posizione.

Bernard N’Dili MP locale spiega:

“Secondo le informazioni raccolte dall’ospedale Bocaranga, c’erano due soldati bengalesi della minusca morti; due ribelli morti Sidiki da un lato e tre morti e tre feriti, due gravemente, tra gli Anti-Balaka.

Non sappiamo in quale contesto le forze della minusca sono state attaccate, ma sembra che fossero al fianco della squadra Sidiki, e noi non sappiamo se è stato per parlare con loro e dissuaderli dall’andare a fare qualcosa d’altro; ma è qui che gli Anti-Balaka hanno attaccato.

Chiedo al governo di rompere il dialogo con questi gruppi che sono sempre in una logica di guerra. “

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

R.C.A. – 12 Gennaio 2017

Recuperando qua e là le notizie dai vari siti dei quali anche fra i link da noi segnalati a lato destro dello schermo, pare che il nuovo anno sia partito all’insegna del recupero della normalità. Già dall’iniziativa presa dal Presidente Touadera di smobilitare il grande campo profughi dell’aeroporto M’poko di Bangui per consentire agli sfollati di festeggiare il Natale in modo più familiare possibile, si è capito che da parte delle autorità si vuole davvero cambiare pagina. La sicurezza dovrebbe essere presto ripresa in mano dalla forza militare nazionale (inesistente, male equipaggiata e male formata da diverso tempo); le infrastrutture sono state recuperate quasi completamente nei dintorni della capitale e attendono di essere risistemate anche nelle altre zone. I rapporti “diplomatici” con i giornalisti sono stati riallacciati grazie ad un pranzo di cortesia offerto dal Presidente Touadera.

Gli aiuti internazionali storici, come quelli del Piano di Alimentazione Mondiale, e quelli di nuovi organismi, si stanno moltiplicando dopo l’interesse suscitato anche dalla visita di ormai più di un anno fa da parte di Papa Francesco, che ha concretizzato anche il contributo del Vaticano mediante il recupero di un ospedale pediatrico nella capitale e la creazione del Cardinal Nzapalaynga, vescovo di Bangui che insieme all’imam e al pastore protestante ha fatto conoscere a tutto il mondo la situazione della Repubblica Centrafricana.

Chi bene inizia è a metà dell’opera …. e a questo punto sarebbe davvero il momento di proseguire ancora meglio!!!

Auguri a tutti i centrafricani per un 2017 che segni il ritorno alla normalità e il recupero della pace a tutti i livelli!

da Centrafrique-presse – 1° Gennaio 2017 

messaggio di saluto alla nazione di Faustin-Archange Touadéra, PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CENTRAFRICANA, IN OCCASIONE DEL CAPODANNO 2017

presisente-centrafricano-faustin-touadera

Miei cari compatrioti.
L’anno 2016 termina. Esso ha segnato la fine della lunga transizione nata dalla crisi politica e militare, la peggiore della nostra storia, caratterizzata da gravi, massicce e ripetute violazioni dei diritti umani, dalla distruzione del tessuto economico, dal collasso lo stato, dalla frattura sociale e dalla rottura dell’unità nazionale.
Il 2016 inoltre, per fortuna, ha segnato il ritorno all’ordine costituzionale e alla democrazia con le elezioni presidenziali libere, trasparenti e pacifiche, rendendo il nostro Paese uno dei migliori esempi di sviluppo positivo della crisi mentre fosche previsioni avevano annunciato il proseguire della pericolosità.
Questa è la prova che questa crisi drammatica non ha annientato la nostra capacità di eccellere al fine di riprendere il controllo del nostro destino. Ora, in tutti i settori, ci troviamo di fronte al futuro con prospettive migliori.

Non si può però ignorare la violenza che ancora persiste in alcune zone del paese per volontà manifesta dei nemici della pace. Niente sarà più come prima. Nessun funzionario o l’agente dello Stato deve  essere esonerato dall’obbligo di trasparenza e responsabilità. I crimini e omicidi ancora irrisolti a Bangui e in molte parti del paese per esempio Kaga Bandoro, Bria, Ippy, Bambari, Ngakobo, Bocaranga, Bakala e per il quale ripeto, a tutte le persone colpite, la compassione di tutta la Nazione. Esorto il governo a fare tutto il possibile affinché questi numerosi crimini non restano impuniti.

Miei cari compatrioti,
Alla vigilia del 2017, rivolgo il mio cuore a voi, al cuore di ognuno di voi, cari compatrioti; i miei più sentiti auguri di pace, felicità e prosperità. Ho espresso gli stessi desideri per i nostri compatrioti sfollati, i rifugiati e la diaspora e tutti coloro che si trovano all’estero, nell’ambito della loro attività professionale o in missione al servizio della Repubblica.
Il mio saluto va anche alle nostre forze di difesa e di sicurezza, nonostante i loro mezzi limitati di azione, perché possano contribuire efficacemente, al fianco dei loro fratelli in armi del contingente minusca a ripristinare la sicurezza.
Rivolgo i nostri migliori auguri anche alla comunità internazionale e, in particolare, alle Nazioni Unite, l’Unione Europea, l’Unione Africana, la Comunità economica degli Stati di Africa centrale (CEEAC), CEMAC, la Francia, l’America, gli Stati Uniti e partner per lo sviluppo della Repubblica centrafricana come la Banca mondiale, il Fondo monetario Internazionale, la Banca di sviluppo africana, che ha mobilitato attraverso gli aiuti multiformi il modo per alleviare le nostre sofferenze e sostenere i nostri sforzi riguadagnano la stabilità del nostro paese.
Per i cittadini dei paesi fraterni e amichevoli che hanno scelto di vivere con noi, voglio augurare loro tutto il meglio e rassicurare riguardo la nostra ospitalità.

Miei cari compatrioti,
dal momento in cui ho dato la mia adesione alla guida del paese in cui viviamo ho visto progressi significativi in tutti i settori. Il progresso fino ad oggi ci dà motivo di speranza.
Il 2017 che si apre tra poche ore è pieno di speranza, ma anche di sfide. E’ pieno di speranza perché ci offre la possibilità di voltare in modo decisivo alla pagina della grave crisi e di proiettare il futuro in prospettiva.
Infatti, nonostante la situazione della sicurezza resti difficile in alcune aree del paese, il processo DDRR / RSS / RN è acceso. La pace è a portata di mano.

Economicamente e socialmente, il piano di ripresa nazionale e il consolidamento della pace (RCPCA), messo a punto dal governo, ha mobilitato 2.268 miliardi di dollari nel corso della conferenza internazionale dei donatori e investitori 17 Novembre 2016 a Bruxelles. Notevoli sforzi sono ancora da fare per mobilitare finanziamenti che, senza dubbio, necessitano per risolvere enormi sfide che attendono il Paese, tra i quali la ripresa economica, il difficile problema di occupazione dei giovani, l’elettricità, l’acqua potabile, la salute, i servizi igienico-sanitari, le strade e così via.
Pertanto, l’unione che ha prevalso a Bruxelles dovrebbe proseguire, nell’ambito del sistema di supervisione istituzionale, con l’attuazione, il monitoraggio e la valutazione, intesa a favorire la mobilitazione delle annunciate risorse.
Esorto tutti voi, miei compatrioti, a lavorare, a rispettare i programmi di lavoro e abbracciare lo spirito dei risultati.
Questo è il modo in cui vinceremo la scommessa della ripresa economica e la costruzione della pace, con il sostegno della comunità internazionale. Il 2017 è pieno di sfide.

La prima è quella della sicurezza. Il paese continuerà ad affrontare due tipi di minacce, tra cui

internamente:
– le atrocità dell’LRA in Oriente;
– Il fenomeno della transumanza di uomini armati;
– le violazioni da parte di gruppi ribelli e il saccheggio delle miniere e della fauna selvatica, vere risorse del paese;

esternamente:
– la criminalità transfrontaliera;
– L’occupazione di una parte di territorio come base posteriore di ribellioni nei paesi vicini;
– Il fenomeno Boko Haram nella subregione.

Certo, mi augurerei che le cose si muovessero più velocemente in termini di sicurezza, per ciascuno di voi e soprattutto per i nostri compatrioti rifugiati o sfollati interni, o quelli che vivono come ostaggi sotto le minacce di bande armate e predatori che si aggirano su parte del territorio.
Ma noi non stiamo seduti a guardare. La nostra diplomazia è in movimento per permetterci di ottenere la revoca dell’embargo sulla FACA. Nel frattempo, continuiamo attraverso l’EUTM, formazione FACA.
Inoltre, si procederà con l’assunzione di 250 agenti di polizia e 250 gendarmi che saranno addestrati dalla minusca per rafforzare le forze di sicurezza interne.
Altri contingenti saranno reclutati e formati al di fuori. Mi assicurerò personalmente che queste assunzioni siano trasparenti e in tutte le regioni del paese.

La seconda sfida è il progresso economico e sociale. Il paese manca di infrastrutture di base.

Sono consapevole degli alti prezzi delle materie prime essenziali. Conosco le vostre difficoltà e le preoccupazioni quotidiane.
Ma devo dire che il governo sta lavorando per controllare ulteriormente l’inflazione, migliorare il paniere alimentare, la distribuzione di energia elettrica e di acqua potabile, la rete stradale sia a Bangui che nelle province e i trasporti urbani.
Il calo del prezzo del petrolio alla pompa effettuata dal governo fa parte di queste misure.

Miei cari compatrioti,
Vi avevo promesso la ripartizione degli incarichi nella governance.
Ho intenzione di adempiere fedelmente quella promessa.
Per questo, ho incaricato il governo di presentare all’Assemblea nazionale l’adozione dei testi organici delle istituzioni create dalla Costituzione del 30 marzo 2016.
La creazione di queste istituzioni, compresa la Corte Costituzionale, il Consiglio economico e sociale, il Consiglio Nazionale della mediazione, il Consiglio superiore della comunicazione, l’Alta Corte di Giustizia e l’Alta Autorità per il buon governo in termine costituzionale, l’adozione della legge organica sul codice della trasparenza e del buon governo, contribuiscono a rafforzare la governance democratica del paese e la lotta contro l’impunità, una delle cause dei mali che affliggono il paese.

Più che mai, il Governo deve essere virtuoso e questo è un requisito dovuto ai cittadini. Ben presto, la Corte penale speciale e la Commissione nazionale dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali saranno operativi.
Niente sarà più come prima. Come già detto, nessun funzionario o ufficiale dello Stato devono essere esonerato dall’obbligo di trasparenza e responsabilità.
Qualsiasi violazione dei diritti umani, richiede la conseguente risposta giudiziaria, indipendentemente dal suo autore.
A questo proposito, chiedo ai gruppi armati che non abbiano ancora aderito al DDRR farlo senza indugio. Non c’è alternativa.
Infine, miei cari compatrioti, esprimo la speranza che 2017 rompa le barriere sfuggenti e soggettive che ci impediscono di accedere pace.
Vi invito, individualmente e collettivamente, a coltivare la pace, per osservare atteggiamenti di pace, in tutte le circostanze.

Nel mio caso, ho, dalla mia elezione mostrato la via della pace e la ripresa economica che passa attraverso il DDRR, il dialogo, la coesione sociale, solidarietà e riconciliazione nazionale.

L’istituzione della Commissione Verità Giustizia e Riconciliazione è quindi una necessità per fornire risposte alle vittime innocenti della crisi e gettare le basi per una pace duratura nella Repubblica Centrafricana.
Vi esorto a essere vigili e dare prova di moderazione. Il nostro paese sta cercando di uscire dal baratro in cui era immerso.
La cenere è ancora calda per avvicinare qualsiasi sostanza infiammabile in modo sicuro. Ho piena fiducia nella nostra capacità di resilienza. Uniti insieme, supereremo la crisi.
Come dice il proverbio: “Per ogni sguardo che gettiamo indietro, dobbiamo guardare due volte per il futuro.”
Dobbiamo dimenticare le cicatrici della crisi, i risentimenti e l’odio per dare spazio al perdono e all’amore verso il prossimo.
Felice Anno Nuovo 2017. Che Dio protegga e benedica la Repubblica Centrafricana!
Grazie.

   ITA  KWE Flavio Quell'Oller OdV 

      ("Fratello di tutti" nella lingua Centrafricana Sango)

via San Bonaventura, 5  -16164  GENOVA

Codice Fiscale:   9 5 1 5 8 2 3 0 1 0 2  - tutti i diritti riservati - copyright Gennaio 2021