Un istante prima dell’alba ….

 

“Un istante prima dell’alba” è il titolo dell’ultimo libro segnalato nella pagina dedicata alle letture interessanti che ci sembrano in linea con il messaggio che vorremmo trasmettere.  Da circa un mese era capitato “casualmente” tra la posta del Convento di Pontedecimo e da subito era parso molto interessante … degno di una proposta per un nuovo progetto.

Lo slancio per approfondire la cosa e per prendere l’iniziativa necessaria all’incontro con padre Ibrahim Alsabagh, autore del volume nonché parroco della chiesa latina di Damasco e in precedenza custode in Terra Santa, è stato dato dai terribili fatti avvenuti in Siria solo un giorno fa. Si tratta solo l’ultimo tragico episodio assurdo di tutta la vicenda siriana, partita diversi anni fa con la guerra fredda e in modo più cruento con l’inizio del controverso conflitto aperto nel 2012. Nel libro segnalato si può constatare come, malgrado le enormi difficoltà, la vita vada avanti e anche tra le tenebre più fitte si possa scorgere almeno un piccolo spiraglio di luce. Quella appunto che fa da anteprima all’alba, che rischiara definitivamente la notte e lascia il posto alla luce del sole che sorge.

Nel 2015 un breve video riprendeva in modo esplicativo le origini e gli eventi succedutisi nella storia dei territori arabi fino ad allora. Video che l’anno seguente tornò nuovamente in auge dopo gli attentati di Parigi e che in effetti ancora adesso è sempre valido.

 

 

Come più volte sottolineato riguardo il messaggio lasciatoci da Flavio con la sua biografia, ci auguriamo che il buon senso e la ragione di chi può fare qualcosa abbia il sopravvento e facciano disperdere nel vuoto i tanti venti di guerra che soffiano nel mondo. Tutto questo ... Prima che sia troppo tardi!!!

Precedente Tempo di 5x1000 ....

3 thoughts on “Un istante prima dell’alba ….

  1. Tania il said:

    Questo libro fa pensare ad un frase del filosofo britannico Bernard Arthur Owen Williams: “Non esiste notte o problema capace di sconfiggere l’alba o la speranza.”

Lascia un commento

*