Capo Verde

Aggiornato al 7 Luglio 2018

Esattamente un mese fa, il 6 Giugno 2018, è stato inviato un nuovo contributo di € 5.000,00 per il sostegno del progetto relativo alla Casa S. Chiara a Mindelo, capitale dell’isola di Sao Vicente, nell’arcipelago di Capo Verde. Sale così a 13.000,00 euro complessivi, in poco più di due anni, l’aiuto dato da Ita Kwe Flavio Quell’Oller Onlus per queste giovani donne seguite dai Cappuccini locali, gemellati con quelli italiani della provincia piemontese.

Cliccando ORC-Capuchinhos_abr2018 – v2, si trova l’indicazione per vedere il Documento relativo al progetto di allargamento della struttura, con quanto è stato messo in programma …. da realizzare con l’aiuto di Ita Kwe.  Un ringraziamento particolare ai soci  Andrea ed Annelise, che con il nostro caro Pietro (vedi più sotto in data 26 Dicembre 2016: “La sorpresa di Peppo!”) si recheranno sul posto, dandoci poi relazione al loro rientro.  Una bella idea di … vacanza alternativa!!

Aggiornato al 23 Dicembre 2017

Ricevuti con molto piacere gli auguri da Mindelo. Oltre alle foto natalizie, fra Napoleao ci aggiorna sulla situazione della casa diurna e manda anche le pezze giustificative delle ultime spese sostenute per rendere più funzionale il Centro Santa Chiara. Non appena saranno ottenuti i permessi per il progetto di ampliamento, Ita Kwe Flavio Quell’Oller provvederà all’invio di una nuova quota a sostegno delle giovani ospiti. In ogni caso un contributo sarà inviato comunque prima di metà anno 2018.

♥♥♥♥ Intanto grazie per gli auguri, che contraccambiamo con tutto il cuore!! ♥♥♥♥

 

Da: Napoleao Gomes
Date: 22 dicembre 2017 11:15
Oggetto: Auguri buon Natale – Centro Santa Chiara

Ciao Silvana! In nome del Centro Santa Chiara vi auguro buone feste, un santo Natale di Gesù e un fecondo e sereno 2018. Approfitto anche per ringraziarvi ancora una volta per la  vostra generosità verso queste ragazze con sindrome di Down.  In questo momento il centro è aperto durante tutto il giorno (quindi non soltanto al pomeriggio come prima) e abbiamo aggiunto altre quattro nuove ragazze. Abbiamo dovuto comperare alcune materassi e altre cose per rispondere alle nuove necessità. Il trasporto costa di pìù (€ 18  al mese) perché ci sono più giri da fare al giorno, e abbiamo assunto anche una nuova maestra per stare con le ragazze. È una grande sfida. Stiamo per fare dei lavori di ampliamento dello spazio, la ancora la comune non ci ha dato via libera…
In allegato, insieme alla cartoline di buone feste, vi spedisco anche il preventivo di quanto spendiamo al mese con il Centro. Ogni aiuto sarebbe una benedizione, visto che non abbiamo altri aiuti per il centro….. ci fidiamo alla Provvidenza divina. Ancora una volta, auguri di buon Natale a tutti voi dell’Associazione e ai vostri cari.
fra Napoleão

Aggiornato al 29 Gennaio 2017

Ecco le prime foto ricevute dopo l’invio del contributo a sostegno delle attività di formazione e di accoglienza per il gruppo delle quindici giovani donne con difficoltà nell’apprendimento, in gran parte con sindrome di Down, seguite dai Cappuccini locali, collegati ai frati della Provincia di Torino, al centro diurno “Casa Santa Chiara” di Mindelo, capitale dell’Isola di Sao Vicente, a Capo Verde. Dai volti delle giovani e delle loro educatrici si comprende quanto sia stato utile aver portato avanti il progetto di ampliamento delle attività che le riguardano e quanto sia importante proseguire con serietà e coerenza l’opera di formazione che è iniziata in loro favore.

In un’epoca in cui tutto sembra relativo e ogni cosa passa molto velocemente, è giusto ridare il valore vero al tempo che abbiamo a nostra disposizione e dirigere le nostre energie verso i risultati che contano realmente e non verso illusioni mondane che lasciano il tempo che trovano. Di fronte a tante parole gettate al vento che si dissolvono nell’aria, anche un piccolo gesto d’incontro che sia reale e sincero può fare la differenza e rendere felice chi lo riceve e chi lo dona.

Ancora una volta quindi grazie a Francesca Annelise Castagneto, a Paola Repetto e alle loro rispettive famiglie per aver condiviso con ITA KWE l’impegno di portare avanti questo bel progetto grazie al ricavato delle vendite del libro segnalato nella nostra pagina: “La sorpresa di Peppo” (vedere più sotto) Un grazie affettuoso e particolare a Pietro (“Peppo”) che con la sua purezza e la sua spontaneità è “una sorpresa speciale”, dimostrando che ha davvero qualcosa in più!!!

Aggiornato il 24 Dicembre 2016

In attesa di ricevere le ultime notizie su come sta proseguendo il lavoro di accoglienza al centro diurno Casa Santa Chiara di Mindelo, di cui già alcune informazioni più sotto, siamo davvero molto contenti della decisione di due care amiche di aver pubblicato il racconto che riguarda l’esperienza di amore, ansia e stupore che lega in modo tutto speciale una mamma al più piccolo dei suoi figli che, come le giovani assistite a Mindelo, possiede un cromosoma in più.

copertina-libro-annelise-e-paolaIl titolo è segnalato tra i libri interessanti ed è: La sorpresa di Peppo; ma la sorpresa più grande è che il ricavato della pubblicazione sarà destinato al progetto indicato in questa pagina, relativa alla Casa S. Chiara di Mindelo.

Grazie di cuore a Francesca Annelise Castagneto Napoli e a Paola Repetto Zirafa, che tanta sensibilità hanno dimostrato nella condivisione di questa esperienza di vita, augurando a loro e alle famiglie di poter godere di serenità e pace.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Pubblicato il 19 Ottobre 2016

Il 9 Ottobre 2016 in tutto il mondo sono stati evidenziati messaggi di sensibilizzazione verso le persone con sindrome di Down (o Trisomia 21), essendo la data dedicata a loro. Il giorno seguente (10 ottobre, giorno di nascita di Flavio)  ITA KWE  ha dato l’avvio a un nuovo interessante progetto che “cade a fagiolo”. Si tratta del sostegno per una quindicina di giovani donne con sindrome di Down e con altre difficoltà che vengono accolte nel centro diurno di formazione gestito dai religiosi capoverdiani di Mindelo (Isola Sao Vicente) confratelli dei Frati Cappuccini della Provincia di Torino.

Da anni le ragazze vi si ritrovano quotidianamente e vengono seguite da educatrici che le avviano al taglio e cucito ma ora, grazie al contributo che la nostra Associazione assicurerà loro per almeno tre anni, verrà sviluppata anche la sartoria e la scuola di cucina e di economia domestica, in modo da renderle il più possibile autonome per la loro vita. Per il primo anno verranno coperte alcune spese vive di gestione del Centro Casa S. Chiara di Mindelo, più l’acquisto di materiale da cucina e qualche macchina da cucire. In seguito, a seconda di come procederà il Progetto “Capo Verde“, verrà dato un nuovo contributo per almeno altri due anni.

Questo nuovo impegno unisce diverse facce della solidarietà e ci fa porre l’attenzione in una nuova parte di Africa: siamo arrivati anche a Capo Verde, con il versamento iniziale di euro 8.000,00 e con il piacere di consentire a queste giovanni donne di poter essere autonome e capaci di sviluppare le proprie abilità nel cucito, nell’economia domestica e nell’arte culinaria.