Sul territorio

Questa pagina, che si riferisce al sostegno per chi è in difficoltà economica nella zona della Valpolcevera, tramite la Conferenza S. Vincenzo De’ Paoli, è collegata anche al progetto di collaborazione con la Casa Circondariale di Pontedecimo

Aggiornato al 15 Luglio 2018

Proseguono silenziosamente la collaborazione pratica con la Conferenza San Vincenzo De’ Paoli ed il sostegno economico alle persone in difficoltà che si trovano sul territorio della Valpolcevera.

Dall’ultimo aggiornamento aggiunti altri 1.600,00 euro ….  Mica male!!!

Aggiornato al 28 Marzo 2018

…. con la relazione che i responsabili della San Vincenzo parrocchiale ci hanno inviato a chiusura dello scorso anno. Aggiungiamo solo il particolare che in cifre, la somma totale impegnata dal 2012 fino ad oggi per le persone in difficoltà sul territorio è di oltre 22.000,00 euro!

“Dal 2013 l’associazione  ITA KWE Flavio Quell’Oller Onlus contribuisce  con l’offerta annuale di euro 4.800,00 all’acquisto di generi alimentari che la nostra Conferenza di San Vincenzo distribuisce settimanalmente a persone indigenti.

Oltre ad interventi che riguardano il pagamento di utenze, affitti, mense scolastiche, ecc. stiamo distribuendo mensilmente a circa ottanta famiglie, generi alimentari sia donati dal Banco Alimentare (pasta, latte, farina, biscotti, legumi, pelati, ecc.) che acquistati (caffè, zucchero, tonno, riso, olio, alimenti per l’infanzia, pannolini, ecc.) sostenendo una spesa che si aggira attorno ai novecento/mille euro mensili.

E’ stato, e continua ad essere molto importante, l’aiuto che le socie Maria Luisa Bagnasco e Maria Grazia Mora danno settimanalmente per la distribuzione di generi di prima necessità mentre Emanuela e Ludovica Napoli, Elena Piccinini, anch’esse socie di ITA KWE, ed Elena Pestelli e Giulia Campi, simpatizzanti, offrono un altro aiuto per il ritiro settimanale e la sistemazione nella nostra sede dei suddetti generi. Inoltre sia le signore e le giovani già citate, sia diversi altri soci di ITA KWE (Dino Mainardi, Claudio Scarlassa, Federico Farenzi, Lorenzo Piccinini, Anna Nacinovich, Rita Parodi, Francesco Quell’Oller e Gian Battista Montaldo) sono sempre disponibili e collaborativi anche in altre occasioni o eventi nei quali viene richiesto un aiuto, come ad esempio durante la colletta alimentare nazionale.

Potere contare anche per il futuro sull’aiuto di ITA KWE Flavio Quell’Oller Onlus, ci consente di soddisfare sempre più e meglio le richieste che ci vengono rivolte e che sono quotidianamente in aumento.

Ancora grazie e un augurio di buon lavoro a tutti gli operatori, soci e benefattori.

Genova, 31 dicembre 2017

     

Aggiornato al 2 Dicembre 2017 

Dalla raccolta “in grande” alla “spesa settimanale”, i soci di Ita Kwe si danno un gran da fare per essere presenti anche sul territorio locale.

Oltre alla raccolta nazionale effettuata in collaborazione con il Banco Alimentare e con le altre Associazioni coinvolte nell’assistenza  chi ha bisogno, silenziosamente da circa quattro anni, un gruppo di giovani socie e simpatizzanti ritirano in continuativamente il necessario per quanto verrà distribuito da altre socie e volontari presso la sede della S.Vincenzo De’ Paoli di Pontedecimo.

Forse più che le parole … parlano le immagini e le cifre: in circa cinque anni impegnati per il sostegno a chi è in difficoltà sul territorio, più di 25.000 euro dall’inizio del progetto, quando ancora usavamo dei “bollettini casalinghi” per la consegna dei pacchi viveri direttamente in convento. (Vedi più sotto – marzo 2013).

Grazie a tutti coloro che si sono resi disponibili per questo servizio.

Aggiornato al 30 Aprile 2017

Riportiamo la relazione ricevuta dalla Presidente della Conferenza S. Vincenzo De’ Paoli di Pontedecimo, in occasione di quanto realizzato durante lo scorso anno.

“Nel 2016 è continuata la collaborazione, iniziata nel mese di ottobre del 2013, con l’associazione ITA KWE  di Flavio Quell’Oller ONLUS, con il prezioso aiuto economico di Euro 400 mensili e con l’ operato di un gruppo di ragazze che si sono occupate, e lo stanno tuttora facendo, del ritiro dei generi alimentari e il loro trasporto e sistemazione nei locali della nostra sede. Oltre a questo validissimo aiuto non hanno lesinato la loro disponibilità in altre occasioni quali la raccolta annuale e festeggiamenti di San Giacomo, oltre a portare idee nuove per la stesura del biglietto di auguri natalizio.

Nel corso del 2016 siamo intervenuti in aiuto di 79 nuclei familiari per complessive 215 persone di cui 73 minori.

Abbiamo ritirato gratuitamente dal banco alimentare, sia di provenienza comunitaria (AGEA) sia  dalla  colletta effettuata, a livello nazionale, nello scorso mese di novembre, generi alimentari per complessivi  Kg. 7.052.

 Generi  alimentari donati  dalla popolazione:  Kg. 2.240.

Inoltre,  sono stati acquistati prodotti che normalmente non vengono distribuiti dal Banco, ad esempio:  olio, zucchero, caffè, latte, uova , dadi da brodo, pannolini per bambini, ecc. per una spesa di Euro 11.622.

Sono stati fatti interventi finanziari per pagamenti di luce, gas, affitti, aiuti infanzia, medicinali non mutuabili, ecc. per circa Euro 16.300, oltre ad inserimenti in asili nido.

Abbiamo potuto fare tutto questo grazie a quanti credono nel nostro operato e lo dimostrano con la loro generosità.

La Presidente

Maria Pittaluga

 

Aggiornato al 7 Febbraio 2016 

Senza far troppo rumore, viene mantenuto l’impegno costante settimanale (tramite la collaborazione pratica di alcune socie, non solo più giovani impegnate nella parte degli acquisti ma anche di alcune “più mature” disponibili nei turni di consegna abbigliamento e viveri ai disagiati) e mensile  (mediante il contributo economico di circa 5.000,00 euro annui suddiviso in 400,00 per volta!) con la Società San Vincenzo De’ Paoli, più qualche aiuto a chi bussa alla porta del convento.

Ecco un breve scritto da parte della Presidente della Conferenza di Pontedecimo:

<<E’ dall’ottobre del 2013 che l’associazione  ITA KWE Flavio Quell’Oller Onlus contribuisce con l’offerta di Euro 400,00 mensili all’acquisto di generi alimentari che la nostra Conferenza di San Vincenzo distribuisce settimanalmente a persone indigenti.

Oltre a interventi che riguardano il pagamento di utenze, affitti, mense scolastiche, ecc. stiamo distribuendo mensilmente a circa ottanta famiglie, generi alimentari sia donati dal Banco Alimentare (pasta, latte, biscotti, carne in scatola ecc.) che acquistati (caffè, zucchero, tonno, riso, alimenti per l’infanzia, pannolini, legumi, olio ecc.) sostenendo una spesa che si aggira attorno ai novecento euro mensili.

E’ stato, ed è provvidenziale, l’aiuto che Emanuela, Elena, Francesca, Giulia e Ludovica, socie della ITA KWE, offrono settimanalmente per l’acquisto e sistemazione nella nostra sede dei suddetti generi. Queste giovani sono sempre disponibili e collaborative anche in altre occasioni o  eventi nei quali è impegnata la nostra Conferenza.

Potere contare anche per il futuro sull’aiuto della ITA KWE Flavio Quell’Oller Onlus, ci consentirebbe di soddisfare sempre più e meglio le richieste di aiuto che ci vengono rivolte e che sono quotidianamente in aumento.

Ancora grazie e un augurio di buon lavoro a tutti gli operatori, soci e benefattori.>>

La Presidente

Genova, 10 ottobre 2015

°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Aggiornato al 1 Dicembre 2015

Gran da fare sabato 28 Novembre per la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare! Diversi soci sono stati impegnati in questo servizio che permetterà per alcuni mesi di avere un po’ di scorte da utilizzare per il sostegno delle persone in difficoltà seguite dagli enti caritativi quali la S. Vincenzo De’ Paoli. Per maggiori informazioni aprire il post relativo, contenente diverse foto non solo di quel giorno, di cui qui diamo solo un …. assaggio!

Aggiornato al 17 Gennaio 2015

Questa la testimonianza delle giovani socie impegnate nel servizio caritativo per chi sta vivendo una situazione di disagio sul territorio della Valpolcevera:

“Se poco più di un anno fa ci fosse stato chiesto di pensare alla povertà, sicuramente avremmo pensato alla povertà che colpisce realtà e Paesi distanti da noi. Ma è davvero solo questo? Collaborando con la San Vincenzo De Paoli stiamo a poco a poco conoscendo la povertà che non è a km e km da noi ma che è proprio qui, a Pontedecimo, e ci rendiamo conto di quanto sia importante agire anche per chi è intorno a noi e si trova in difficoltà.  L’attività che noi giovani socie di ITA KWE svolgiamo per questa realtà parrocchiale consiste nella sistemazione settimanale dei generi alimentari nei locali della San Vincenzo. In alcuni periodi dell’anno siamo inoltre coinvolte nelle attività “speciali” della congregazione: dal banco alimentare alla preparazione dei pacchi di natale. Proprio durante la preparazione di quest’ultimi, quest’anno, facendo un paragone con quello precedente, abbiamo toccato con mano quanto sia aumentato il numero di famiglie bisognose: siamo giunti a quota 80! Questo ci fa sempre più pensare che il nostro impegno sia un vero e proprio aiuto per chi davvero non riesce da solo a provvedere alle piccole necessità quotidiane, come una semplice spesa al supermercato”.

Sacchetti con alimenti per festeggiare il Natale 2014
Sacchetti preparati nella sede della S. Vincenzo De’ Paoli dalle nostre socie in occasione del S. Natale 2014
Sacchetti Natale preparati dalle nostre socie nella sede della S. Vincenzo De' Paoli
Sede della S. Vincenzo De’ Paoli – Viveri acquistati con il contributo di Ita Kwe, pronti da distribuire in occasione del S. Natale 2014
Servizio di volontariato alla S. Vincenzo de Paoli
Alcune brave e belle giovani socie di Ita Kwe al termine del confezionamento dei sacchetti che verranno distribuiti nella sede della San Vincenzo De’ Paoli di Pontedecimo

Ringraziamo Lela, Francesca, Ludovica, Elena ed altre socie a turno che, con l’amica Giulia,  dedicano settimanalmente un po’ del loro tempo per questo prezioso servizio.

Pubblichiamo anche un breve resoconto redatto a fine anno dai responsabili della Conferenza San Vincenzo de’ Paoli di Pontedecimo, che ci sprona a proseguire nel l’impegno rivolto alle necessità ….. di casa nostra:

“Nel corso dell’anno 2014 è continuata la collaborazione, iniziata nel mese di ottobre del 2013 con l’associazione ITA KWE Flavio Quell’Oller ONLUS, collaborazione che si è esplicitata con l’aiuto economico di Euro 400 mensili e con il validissimo operato di un gruppo di ragazze che si sono occupate, e lo stanno tuttora facendo, del ritiro dei generi alimentari e il loro trasporto e sistemazione nei locali della nostra sede.  Tre nostre consorelle che da anni si stanno occupando della distribuzione degli indumenti, si sono iscritte all’associazione ITA KWE.

Alcune cifre per rendere meglio l’idea di come ci stiamo muovendo:

Prodotti ricevuti dal banco alimentare, sia di provenienza comunitaria (AGEA) sia dalle due collette di generi alimentari che sono state effettuate, a livello nazionale, nei mesi di giugno e novembre: Kg. 5.610. Generi alimentari donati dalla popolazione: Kg. 1.086

Inoltre, sono stati acquistati prodotti che normalmente non vengono distribuiti dal Banco, ad esempio: olio, zucchero, caffè, latte, uova , pannolini per bambini, ecc. per complessivi Euro 11.283.

Sono stati fatti interventi finanziari per pagamenti di luce, gas, affitti, aiuti infanzia, medicinali non mutuabili, ecc. per circa Euro 13.000, ed inserimenti in asili nido.

Abbiamo potuto fare tutto questo grazie a quanti credono nel nostro operato e lo dimostrano con la loro generosità”.

Dicembre 2014

Siamo lieti quindi che la somma totale di €  6.400,00, versata ad oggi in poco più di un anno, sia stata ben utilizzata e di aiuto per il sostegno di chi attraversa un periodo poco favorevole ed è, magari, …. nostro vicino di casa!

Aggiornato al 9 Settembre 2014

Prosegue con regolarità la collaborazione sia con la Casa Circondariale, per la catechesi e la fornitura di piccolo materiale, allargando l’aiuto pratico anche per la “famosa” abitazione post-carcere, sia con il Convento dei Frati Cappuccini per i lavori di ristrutturazione, sia con la Conferenza San Vincenzo De Paoli di Pontedecimo nel garantire un adeguato sostegno ai singoli e alle famiglie che attraversano periodi di disagio e che risiedono nella zona della Valpolcevera.

In quest’ultimo progetto ITA KWE versa un contributo mensile di € 400,00 per partecipare all’acquisto di viveri di prima necessità, che vengono distribuiti settimanalmente a chi si trova in bisogno e ne fa richiesta dimostrando la propria situazione.

Oltre all’aiuto economico (che a fine anno ammonta a € 4.800,00), un nutrito gruppo di giovani socie settimanalmente si alterna per il ritiro degli alimenti dal luogo di acquisto e la sistemazione nella sede della San Vincenzo mentre nei giorni di consegna agli interessati, tre socie “più mature” preparano e distribuiscono i pacchi viveri.

Aiuto ai disagiati sul territorio
Esempio di classica busta della spesa da confezionare con gli alimenti acquistati per le più quotidiane necessità

Durante la bella serata del 13 Giugno scorso, in occasione del 2° anniversario, è stata data una bella ed entusiasta testimonianza da parte di due giovani volontarie in rappresentanza di tutto il gruppo.

Grazie a ognuna di esse per il prezioso servizio svolto e per la costanza:

Emanuela, Giulia, Elena, Ludovica, Francesca, Maria Luisa, Maria Grazia, Giuliana

Le socie Emanuela e Francesca descrivono ad Enzo Melillo e a tutti i convenuti, come si svolge il volontariato per collaborare con la San Vincenzo de Paoli
13/06/2014 – Ita Kwe due anni dopo – Le socie Emanuela e Francesca descrivono ad Enzo Melillo e a tutti i convenuti, come si svolge il loro volontariato per collaborare con la San Vincenzo de Paoli sul territorio

Aggiornato al 20 novembre 2013

Diverso dai progetti intrapresi in Centrafricain Perù, e in Carcere, ma per certi versi simile trattandosi comunque di umane miserie, un altro impegno assunto nei primi mesi del 2013 si riferisce alla distribuzione dei viveri a chi da anni o anche recentemente, si rivolge al Convento di Pontedecimo per motivi di indigenza o di necessità sopravvenuta a causa della crisi economica sempre più estesa e preoccupante. Considerando che dopo l’aggravarsi delle condizioni di Flavio non era più stato possibile realizzare il servizio della mensa, ma non  per questo era venuto meno l’appoggio a chi ha continuato a bussare alla porta “dei frati” per cercare un aiuto, la nostra Associazione ha deciso di occuparsi ufficialmente di questo servizio, soprattutto perché i fratelli Cappuccini sono sempre più di passaggio dedicandosi (com’è giusto che sia) alla parte spirituale e alle celebrazioni religiose e Silvana si trova spesso in difficoltà nella gestione di tutta la struttura. A partire dal mese di Marzo, quindi, alcuni soci si sono resi disponibili per affiancarla nell’acquisto dei generi alimentari necessari e nella preparazione dei cosiddetti “pacchi viveri”, utilizzando una quota messa a disposizione da ITA KWE, rinunciando a domandare al Banco Alimentare (ormai privo degli aiuti della Comunità Europea) per evitare di far ridurre le derrate spettanti ad altri Enti Caritativi operanti sul territorio.

Mentre inizialmente il numero di chi si presentava non era elevatissimo (una media di sei o sette a settimana) e quindi sostenibile, in breve le richieste si sono moltiplicate, rendendo difficile soddisfare tutti coloro che bussavano alla porta. Il passa parola funziona più dei siti Internet (di certo nessuno di queste persone ha avuto notizia del nostro servizio con questo mezzo!).

I prodotti acquistati e consegnati con scadenze tra le due settimane e il mese a seconda dei casi, erano: pasta di diverse fatture, riso, farina bianca, olio d’oliva o extravergine, olio di semi, tonno, carne in scatola, legumi in scatola, pomodori pelati, sale, zucchero, caffè, dadi da brodo, latte, fiocchi di patate per il purè, krekers e, infine, i biscotti (questi ultimi gentilmente offerti da una ditta dolciaria locale).   Senza dubbio una bella spesa, soprattutto per chi ritirava le borse senza alcun costo!!

Lasciamo a ricordo la scansione di un esempio del 1° tagliando che abbiamo consegnato.
Lasciamo a ricordo la scansione di un esempio dei  tagliandi  che erano stati  predisposti per la consegna dei viveri, considerando che abbiamo iniziato dal n. 1 il 12/03/2013  e ai primi di ottobre eravamo già oltre il 200!

Dopo aver tenuto,  come da Consiglio di Settembre, una consultazione con i responsabili della San Vincenzo De Paoli (Ente caritativo operante da anni sul territorio, collaborando anche  in precedenza con Flavio), si è giunti alla conclusione che, per ottimizzare l’assistenza e l’aiuto a chi ne fa richiesta, fosse più utile contribuire con una quota mensile di € 400,00 versati sul c/c del medesimo Ente (circa l’equivalente da noi speso nel medesimo periodo facendo direttamente gli acquisti) affiancando settimanalmente alcune giovani socie nell’operazione di rifornimento dei prodotti alimentari.

Dalle prime impressioni si direbbe di aver trovato la via giusta, indirizzando a questa struttura (che dista una cinquantina di metri dall’edificio del Convento) pressoché tutti coloro che necessitano di assistenza e si rivolgono ancora attualmente …. “ai frati!”, cioè a Ita Kwe, anche se più di una volta un aiuto viene dato lo stesso perchè in Convento non ci sono nè orari nè giorni di festa, mentre alla San Vincenzo il servizio è attivo solo il martedì e il mercoledì in mattinata e spesso chi ha bisogno bussa anche in giorni diversi!

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.