Costruttori di bene

In memoria dei … costruttori di bene! In ricordo di chi continua ad essere accanto a noi in un modo diverso ma c’è!! Questo è stato lo spunto che ha fatto partire la nostra Associazione in memoria di Flavio e questo è il modo migliore per tener vivi propri cari.

Può essere passata inosservata per i più la pagina aperta nell’Ottobre 2012 il cui primo nome a partire dal fondo era quello di Oriano, un giovane marito e padre di famiglia strappato troppo presto all’affetto della moglie che proprio allora portava in grembo la loro creatura. Questo è già un segno che nella tristezza e nella desolazione più profonda la vita va avanti!!!

Altro modo è dato dalla realizzazione di un progetto e dalla continuità del risultato che dura nel tempo, associato al nome, al volto, alla figura di chi abbiamo amato e che quindi vogliamo far vivere tramite un segno visibile e utile a chi si trovi nel bisogno. Questo è stato fatto per Flavio e questo è stato fatto per i tanti amici, fratelli, sorelle, a volte anche quasi sconosciuti, il cui nome è presente appunto nella pagina: In ricordo.

Dall’ottobre 2012 i nomi sono sempre di più, ma anche le opere realizzate utilizzando le offerte ricevute in loro memoria. Grazie quindi a chi è sensibile a questo, in particolare oggi grazie a Giuseppe Parodi che ha saputo trasmettere ai familiari sentimenti di solidarietà e di condivisione.

una candela per ricordare

20 Aprile 2018  Salutando oggi per l’ultima volta Giuseppe Parodi, per tutti “Pippin – Persello”, la tristezza per il modo improvviso con cui il 18 Aprile ha lasciato i suoi cari si è tramutata in vera Comunione. Non solo per il generoso pensiero avuto dalla famiglia nell’aver legato il ricordo di Giuseppe ai progetti di ITA KWE, ma anche per aver scoperto che un suo attrezzo edile, praticamente un “pezzo” di lui, è già da qualche anno nelle missioni dei Cappuccini in Centrafrica.  Un abbraccio alla moglie Luisa, al figlio Filippo che oltre al dolore per il caro papà ha rivissuto quello per il gemello Giovanni che prematuramente ha anticipato “Pippin” diciassette anni fa, al figlio Francesco con la moglie Michela e Adelaide e Agnese, alla figlia Raffaella con il marito Livio. Grazie a chi ha accettato l’invito per la raccolta effettuata durante la cerimonia funebre e tra alcuni amici (arrivata alla somma di € 670,00). Un abbraccio anche ai soci di Ita Kwe toccati da questo lutto, in particolare alla sorella Sandra Parodi e ai suoi cari. Ci consola il fatto che, pur senza essersi conosciuti, tra Flavio e Giuseppe c’è il legame portato dalla professione svolta: costruttori di …. case sulla roccia. Che il loro stile sia di sprone per molti altri che ne seguano l’esempio per divenire non solo “attrezzi” nelle mani di Dio ma per essere i suoi “boccia” e “materiale” edile. Come pietre vive per la costruzione del Suo Regno vale a dire:  costruttori di bene.

 

 

 

 

 

Precedente Un istante prima dell'alba .... Successivo Un po' di segnalazioni ...

Lascia un commento

*